Racconti e immagini

dal 25 al 26.05.2019: 100 km del Passatore - 47a edizione

IL TRIONFO DI MARCO MENEGARDI E DI NIKOLINA SUSTIC NELLA 47a 100 KM DEL PASSATORE 2019. PER LA PRIMA VOLTA ASSEGNATI DALL'U.O.E.I. IL GRAN PREMIO DELLA MONTAGNA MASCHILE E FEMMINILE.

Marco Menegardi (pettorale 49) della Bergamo Stars Atletica, partecipando per la prima volta alla 100 km, ha vinto la 47a edizione della 100 km del Passatore in 7h 12' 48", secondo l'ucraino Serhii Popov e terzo il croato Dejan Radanac.
Dei 3133 concorrenti partiti da Firenze ne sono giunti a Faenza 2666.
Al passo della Colla di Casaglia (km 48) Simone Pessina è transitato per primo ma poi si è dovuto ritirare a Marradi. Secondo alla Colla è giunto l'ucraino Serhii Popov (pettorale 107) che si è aggiudicato il Gran Premio della Montagna messo in palio dall'U.O.E.I. faentina e intitolato alla memoria di Francesco Calderoni.
La croata Nikolina Sustic (pettorale 2), prima delle donne alla Colla, ha vinto il medesimo Gran Premio dedicato ad Angela Bettoli. Nikolina Sustic, vincitrice della "100" tra le donne, ha stabilito il record femminile di 7h 31' 03".
Dejan Radanac è diventato campione nazionale croato poiché la gara valeva per il titolo nazionale della Croazia.
 

Tutte le classifiche della gara si possono consultare sul sito:
» www.100kmdelpassatore.it/classifiche

In ricordo di Checco e Angela
Due premi in ceramica dell'U.O.E.I. Faenza ai primi podisti della Cento alla Colla di Casaglia


Una novità per quanto riguarda i premi della "Cento km del Passatore" arriva dall'U.O.E.I. Faenza, associazione che è da sempre al centro della supermaratona internazionale.

Fino al 2018 il premio offerto dall'U.O.E.I., era riservato al vincitore del Gran Premio della Montagna intitolato a Francesco Calderoni, indimenticato presidente dell'associazione faentina. Oggi si aggiunge quello per la prima atleta dedicato ad Angela Bettoli, scomparsa circa un anno fa.
Ai due concorrenti, uomo e donna, che transiteranno per primi sul Passo della Colla di Casaglia (913 metri, al km 48), giungendo poi al traguardo di Faenza saranno assegnati altrettanti piatti in ceramica dell'artista Laura Silvagni.
"Francesco Calderoni e Angela Bettoli sono state belle figure di volontariato, quello più forte e sano, due bandiere dell'U.O.E.I. di grandi valori e umanità – ricorda il presidente Pier Giorgio GulmanelliHanno lavorato con operosità e sintonia per l'U.O.E.I. e per la Cento. È un gesto di affetto ricordarli assieme nella manifestazione che hanno fatto nascere e a cui hanno dato un impulso straordinario attraverso un grande esempio".

Da presidente uoeino Francesco Calderoni fu tra gli ideatori della "Cento Firenze-Faenza" e Angela Bettoli il suo braccio destro. Furono proprio Checco e Angela, sull'esperienza di camminate ed escursioni dell'U.O.E.I. sull'Appennino tra Faenza e Firenze, ad andare a vedere da vicino la ultramaratona Torino-Saint Vincent, traendo la convinzione che sarebbe stato possibile realizzare una impresa organizzativa analoga.
Con loro, Alteo Dolcini, cofondatore dell'Ente Vini di Romagna guidato da Elio Assirelli, Pietro Crementi, ancora oggi direttore di corsa, il maestro Federico Lusa, i giornalisti Renato Cavina e Carlo Raggi, tra i protagonisti agli albori della "Cento del Passatore Firenze-Faenza".

A Francesco Calderoni e Angela Bettoli la città di Faenza conferì nel 1992 l'onorificenza di "Faentini sotto la Torre" per l'impegno profuso nell'ideare e organizzare la "100 km del Passatore".

Giuseppe Sangiorgi


0001 0002 0003 0004 0005 0006 0007 0008 0009 0010

immagini di Franco Piani e Adele Anna Argnani

Go Top

Valid XHTML 1.0 Transitional